cassazione sentenza 30 maggio